Italian (IT)

MySQL e la virtualizzazione

Tratto da : http://www.mysqlitalia.it/articoli/11-mysql-e-la-virtualizzazione

Cos’è la virtualizzazione

“Per virtualizzazione si intende la creazione di una versione virtuale di una risorsa normalmente fornita fisicamente. Qualunque risorsa hardware o software può essere virtualizzata: sistemi operativi, server, memoria, spazio disco, sottosistemi.” con queste parole Wikipedia definisce la Virtualizzazione (http://it.wikipedia.org/wiki/Virtualizzazione).

Possiamo dire che oggi per virtualizzazione si intende, comunemente, quella tecnica che consente ad un host fisico ,pc o server, di ospitare più macchine virtuali, condividendo le risorse del singolo host attraverso differenti ambienti.

Un pò di storia – Qualche mito da sfatare

Spesso sentiamo parlare, o leggiamo della virtualizzazione come se fosse lo stadio più avanzato delle tecnologie informatiche, in realtà non è così infatti la virtualizzazione è una tecnologia sviluppata negli anni ‘60 per partizionare l’hardware dei mainframe di grandi dimensioni.

Gli attuali computer basati sull’architettura x86 ripropongono gli stessi problemi di rigidità e sottoutilizzo che caratterizzavano i mainframe negli anni ‘60. Negli anni ‘90 si iniziò -finalmente – a virtualizzare macchine con archietttura x86.

Perchè virtualizzare

Nell’ultimo ventennio il proliferare di applicazioni e il sempre minor costo dell’hardware, ha portato una crescita esponenziale del numero di macchine nei datacenter, da qui un conseguente aumento esponenziale dei costi di gestione e degli spazi da allestire, si immagini che i datacenter di Google ospitano più di 500.000 server. Questa crescita esponenziale che ha caratterizzato gli ultimi anni ha determinato:

Il bassissimo utilizzo delle singole macchine, stime accurate affermano che l’utilizzo medio di un server è attorno al 10% delle sue capacità

Un forte aumento del costo dell’infrastruttura complessiva

Un elevato aumento del costo di gestione dell’infrastruttura (Energia, connettività, locali attrezzati, personale)

La virtualizzazione oggi

Il mercato della virtualizzazione, odierno, offre moltissime soluzioni sia Open che proprietarie, discutere le carratteristiche tecnologiche di queste soluzione è fuori dallo scopo di quest’articolo; pertanto di seguito vengono proposti i link dei prodotti più duffusi, Open e non, utilizzati sia per quanto riguarda la virtualizzazione home sia per la virtualizzazione enterprise:

VMWARE: http://www.vmware.com/it/

MICROSOFT HYPER-V: http://www.microsoft.com/italy/info/annunci/server/generale/hyperv.mspx

XEN: http://www.xen.org/

VIRTUALBOX: http://www.virtualbox.org/

VIRTUOZZO: http://www.parallels.com/it/products/virtuozzo/

E’ doveroso e necessario spendere qualche parola per VMWARE, la quale ha inventato un nuovo mercato, quello delle Virtual Appliances, ovvero un repository dove tutti possono, liberamente o anche a pagamento, mettere a disposizione le proprie macchine virtuali, già installate e sempre più spesso preconfigurate, facilitando così la vita di moltissimi addetti IT e appassionati, rendendo possibile anche per applicazioni molto grandi, quali ERP,CMS, SCM etc, il paradigma scarica e usa.

Se si immagina infatti i vantaggi sia in termini di velocità sia in termini di possibilità di avere a disposizione decine di macchine pronte all’utilizzo, ci si rende conto che questa premessa apre scenari fino a poco tempo fa inimmaginabili.

A questo link è disponibile il mercato virtuale creato da VMWARE: http://www.vmware.com/appliances/

Database e virtualizzazione

E’ quindi interessante scoprire il ruolo dei DB nel modo virtualizzato. Non è difficile capire come dati e know-how, rappresentano il vero patrimonio delle organizzazioni moderne, piccole o grandi che siano.

A cosa servono infrastrutture grandi e potenti, senza dati e senza le persone che le utilizzano? ... Questa riflessione postfordista della nostra epoca, offre già molti spunti di riflessione sull’importanza della flessibilità che la virtualizzazione permette.

Nella nostra società i database rivestono un ruolo fondamentale. Molte delle nostre azioni quotidiane danno luogo ad operazioni di lettura/scrittura/modifica o cancellazione di dati su database, ad esempio quando rispondiamo al telefono, da qualche parte ci sarà un registro presso i datacenter della compagnia telefonica che memorizzerà le generalità della nostra chiamata (numero chiamante, data e ora, numero chiamato, durata etc), un altro esempio quando utilizziamo l’energia elettrica (in qualsiasi modo) il nostro contatore elettrico calcolerà il consumo d’energia e successivamente questo valore sarà letto e memorizzato da qualche parte in un database, e da li sarà calcolata la nostra bolletta.

E’ quindi facile intuire che i database sono proliferati in modo esponenziale e pertanto, come tutte le applicazioni, e per i motivi prima esposti sono oggetto di virtualizzazione.

Lo scopo di quest’articolo è quello di proporre qualche soluzione virtuale preconfigurata e pronta all’uso, liberamente scaricabile dal mercato virtuale VMWARE. Vengono proposte soluzioni che includono MySQL sia come parte di piattaforme complete (ad esempio piattaforme LAMP, installazioni Wordpress, piattaforme Linux+Apache+MySQL+Rails) sia come solo DB server, in modo da offrire a tutti gli utenti, appassionati, i neofiti e gli esperti degli spunti per trarre vantaggio dall’utilizzare MySQL attraverso un sistema già preconfigurato quello della virtualizzazione.

Di seguito qualche segnalazione:

http://www.turnkeylinux.org/appliances/mysql in soli 152MB un macchina preconfigurata basata su Ubuntu Hardy Heron 8.04 completamente FREE, messa a disposizione da Turkney Linux.

http://www.turnkeylinux.org/appliances/lamp anche questa macchina distribuita gratuitamente da Turkney Linux, una piattaforma LAMP (Linux+Apache+MySQL+PHP) su basata su Ubuntu Hardy Heron 8.04 in soli 154MB.

http://www.turnkeylinux.org/appliances/wordpress questa macchina fornisce un installazione di Wordpress su una piattaforma LAMP , basata su Ubuntu Hardy Heron 8.04 in soli 167MB.


© 2017 Bruno Tessaro. My life in the web. All right reserved.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.